Un insolito ‘less is more’ con porte interne in legno
,

Un insolito ‘less is more’ con porte interne in legno

L’arredamento e lo stile del design interno di un’abitazione, è un fattore che esprime se stessi e la propria personalità, comunicandolo attraverso il decoro e l’ordine della propria casa o ufficio. Un determinato tipo di arredamento può infatti influire positivamente o negativamente sulla salute personale: ci si può sentire a proprio agio all’interno di una casa ben curata, in ordine e dipinta con colori piacevoli, al contrario ci si può ritrovare a vivere un disagio nel caso in cui la casa sia trascurata, disordinata e abbandonata a se stessa. Chiaramente per arredamento si intende tutto ciò che ‘veste’ una casa al suo interno, a partire da oggetti disposti per abbellirla, agli infissi veri e propri: l’illuminazione può essere uno degli elementi principali e di primo impatto quando si entra in un‘abitazione, ha grande effetto sull’atmosfera di una stanza se è efficace, e spesso una luce naturale è molto più apprezzata di una stanza buia, chiusa e illuminata artificialmente.

Oltre a tutto ciò, gli infissi sono le fondamenta per avere una casa piacevole da vivere. E’ interessante scoprire come ogni colore che si utilizza porta alla psiche umana determinate sensazioni: esiste una vera e propria psicologia dell’arredamento a seconda degli spazi che si devono decorare che coinvolge un’impressione ben precisa ed efficace. Oggi sul mercato sono disponibili infinite varietà di oggetti per abbellire la propria casa, carte da parati decoratissime e fatte su misura per accontentare qualsiasi tipo di esigenza, materiali per mobili e infissi all’avanguardia, moderni e sempre più evoluti a livello funzionale ed estetico.

Il custom design è una moda che è all’ordine del giorno per chi compra una nuova abitazione da arredare o per chi vuole semplicemente cambiare lo stile della propria casa, traducendolo in personalità che sprizza da tutti i pori, stile e peculiarità. In questo l’azienda di ‘Momenti’ è maestra: design Made in Italy, del tutto moderno nella produzione, nella commercializzazione e nella comunicazione, cura nel dettaglio e sensibilità estetica che fanno breccia nel cuore di chi ama esprimersi a 360 gradi partendo dalla propria casa. Momenti produce oggetti di design e arredo di tutti i tipi, collabora con designer di fama mondiale in grado di dare alla tua casa un aspetto mai visto prima: ricerca, creatività che portano alla nascita di qualcosa di unico come ad esempio l’idea di ‘Italian Custom Design’ la quale propone oggetti di altissima qualità, di materiali pregiati, senza tralasciare moderne superfici tattili o tridimensionali.

Al momento della ristrutturazione di una casa, ci si trova ad affrontare la questione di quali e quanti infissi montare: ogni soluzione presenta vantaggi e svantaggi, esistono tanti tipi di materiali per gli infissi ma senza dubbio quello maggiormente scelto è il legno. Infistil propone porte interne in legno dalla fabbricazione interamente italiana. Il legno rappresenta una componente di arredo molto frequente e richiesta, seppur molto basica. Questo materiale è isolante dal punto di vista termico e sonoro, e conferisce alta qualità a livello dell’estetica, lo si può trovare in tanti colori e consistenze, di venature diverse a seconda dei gusti e degli abbinamenti più adatti al resto della casa. E’ un materiale generalmente antisismico, grazie alla leggerezza ed elasticità che possiede, non tralasciando il fatto che sia un materiale naturale, quindi rispetta l’ambiente, è ecologico e riciclabile al 100%.

Le variazioni che ci propone il mercato mondiale per arredare la nostra casa o il nostro ufficio sono molteplici, basta solo inquadrare bene uno stile d’arredo, valutare tutti i pro e contro dovuti anche alla posizione geografica della nostra casa, e una palette di colori precisa da prendere in considerazione, affinché ci si orienti verso una scelta cromatica bilanciata e non azzardata.

 

Ufficio Stampa Guest.it

Maria Chiara Turino

Read more
I pantaloni push up funzionano davvero?
,

I pantaloni push up funzionano davvero?

Siete curiose di provare i pantaloni push up? Scopriamo in questo articolo come funzionano e quali sono le loro caratteristiche.

Se ne parla un po’ ovunque, ma la domanda rimane sempre la stessa: i pantaloni push up da donna funzionano davvero? Spesso si acquistano questi capi con la speranza di riuscire a valorizzare le proprie forme, per sentirsi più belle e più in forma. Ma ciò è davvero possibile?

Premettendo che si tratta di un effetto push up, quindi esclusivamente ottico, la buona notizia è che sì, questi pantaloni funzionano davvero. Grazie a cuciture e inserti strategici, riescono a donare un effetto modellante a glutei e cosce, esaltando così la silhouette.

Certo, per ottenere un buon risultato è necessario scegliere un prodotto di qualità. Il marchio Freddy, ad esempio, vanta una ricca gamma di pantaloni push up, realizzati con i migliori materiali e con una tecnologia innovativa brevettata proprio dal marchio italiano. Cerchiamo di capire come funzionano e come si portano questi capi.

Come funzionano i pantaloni push up Freddy?

I pantaloni push up da donna del marchio Freddy sono realizzati con la tecnologia WR.UP®, un innovativo brevetto che regala un effetto modellante a cosce e fianchi, e un effetto sollevante ai glutei. Tutto questo è possibile grazie a un sistema di cuciture e inserti in silicone posizionati in punti strategici.

Una volta indossati questi pantaloni, l’effetto sarà subito quello di un fisico più tonico e scolpito, che vi farà sentire al meglio in ogni occasione.

Come scegliere il modello giusto per sé?

Quando si acquista un pantalone push up è fondamentale scegliere la taglia giusta, perché il pantalone deve poter fasciare perfettamente il corpo e valorizzarlo al meglio. È quindi consigliabile misurare con un metro la circonferenza di fianchi e glutei, così da avere delle misure di riferimento più precise.

Decidete a questo punto quanto aderente deve essere il pantalone che state cercando: se volete un modello che vi fasci come una seconda pelle, vi consigliamo di puntare sul superskinny. Per un’aderenza ottimale, ma non eccessiva, la vestibilità migliore è quella skinny.

Come si indossano i pantaloni push up?

Poiché sono estremamente aderenti, i pantaloni push up da donna vanno indossati come delle calze: ricordatevi quindi di abbassare sempre la zip e sbottonare i bottoni, e indossateli srotolandoli lungo le gambe. Il materiale con cui sono realizzati è unico per la sua grande elasticità, ma oltre che più confortevole è anche più delicato, e va quindi maneggiato con cura.

Read more
CANADIAN: il must dell’abbigliamento tecnico
,

CANADIAN: il must dell’abbigliamento tecnico

Spesso in prossimità di una breve scampagnata oppure di un viaggio in collina o montagna, ci si chiede che tipo di abbigliamento sia adatto per affrontare le situazioni più disparate: non si ha mai la sicurezza di trovare un clima preciso. Per questo, esiste una categoria di abbigliamento che si adegua un po’ a tutte le situazioni che possono ricorrere.

Canadian abbigliamento è un brand nato a Milano del 1988, che si preoccupa sin dalla sua nascita, di proporre capi di abbigliamento adatti a chi ama viaggiare in comodità e più comfort possibile. Coloro che viaggiano, che amano esplorare la natura facendo viaggi e addentrandosi in paesaggi mai visti prima con tante meraviglie da scoprire, devono poter avere un bagaglio costituito da ‘capi tecnici’, essenziali e utili a svolgere tante funzioni.

I capi di abbigliamento del brand Canadian sono capi multifunzionali, tengono conto del corpo della persona, assicurando traspirazione, leggerezza e protezione allo stesso tempo, compattezza e semplicità nell’essere indossati e abbinati, grazie ai colori semplici e neutri.

L’abbigliamento tecnico che Canadian propone è prevalentemente orientato al settore dello sportswear, ma anche activewear, giacche in pile, cardigan, impermeabili imbottiti, piumini e giacche a vento, sia per uomini e donne che per bambini.

Canadian è un brand che si adatta a tutte le occasioni ed evenienze, un abbigliamento costituito in prevalenza da capi tecnici che si possono indossare anche nei momenti più informali e nella quotidianità: nascono come capi adatti ad un certo tipo di attività e funzioni, ma oggi sono arrivati ad essere talmente comodi e di buona qualità che si possono indossare in qualsiasi occasione senza differenza.

Oltre ad avere punti vendita propri del brand, questo marchio viene rivenduto anche da numerosi negozi e boutique, specializzati nell’abbigliamento tecnico e funzionale di marca. Uno dei punti vendita che possiede capi firmati Canadian è Benny’s, situata a Rimini, una boutique storica che da anni vende abbigliamento di qualità. Riassumendo brevemente, Canadian non produce solo collezioni di abbigliamento orientate allo sport o a coloro che fanno attività fisiche, ma si adatta perfettamente a tutte le situazioni quotidiane, data la comodità dei tessuti e la buona resa dei materiali.

Read more
Beauty routine primaverile in 5 step facili
,

Beauty routine primaverile in 5 step facili

Ebbene sí, il letargo è finito mentre una nuova colorata stagione di risveglio e fioritura è alle porte, accompagnata da un dolce sottofondo di uccelli canterini e dai primi raggi di un sole che finalmente torna a scaldarci e ad illuminare le nostre giornate!

Eccoci agli albori della primavera e, come per ogni cambio di stagione, non può mancare una beauty routine dedicata, in grado di preparare la nostra pelle in armonia con le nostre nuove abitudini quotidiane!

Infatti, dopo un trimestre invernale concentrate a resistere al freddo e al vento, rimanendo tanto tempo all’interno di luoghi chiusi e assorbendo tanto smog e caldo artificiale dei riscaldamenti eccoci ora pronte a rivoluzionare la nostra pelle!

Da una cute secca, grigiastra e spenta tipica della stagione invernale, seguendo i semplici consigli della nuova beauty routine primaverile, il nostro viso tornerà a sentirsi fresco, sano, idratato e luminoso!

Ecco i 5 facili step della beauty routine primaverile:

  1. Pulizia e Detersione

Prima di passare all’applicazione di qualsiasi nuovo olio o crema, non c’è miglior modo che cancellare questa opacità invernale partendo da una corretta pulizia del viso, valutando anche l’utilizzo di scrub ed esfolianti. Eliminare le cellule morte dal nostro viso durante il cambio di stagione è una prima forma essenziale di depurazione e disintossicazione di tutto ciò che inevitabilmente la cute ha dovuto subire durante l’inverno.

Lo scrub favorisce il rinnovamento cellulare cosí da preparare la pelle, base per tutti i trattamenti successivi, rendendola più morbida, luminosa e levigata. Certo che se nell’aria c’è profumo di vacanze straordinarie in cui l’esposizione al sole è l’obiettivo, evitare allora assolutamente esfolianti e scrub. L’effetto purezza, infatti, sensibilizza la pelle al punto di trasformarsi in un vero e proprio incubo tra macchie o forte eritemi al viso causate dalla mancata protezione dai raggi UV.

Insieme agli esfolianti, anche la detersione svolge un ruolo primario di pulizia da inserire nella routine mattutina e serale tutta primaverile. Struccarsi applicando subito dopo un tonico, o detergente (liquido o cremoso) o olio, in base alle proprie esigenze, protegge la pelle dal trucco successivo durante tutto il giorno e allunga l’effetto pulizia durante la notte.

  1. Cambio Crema

Ovviamente al cambiare di stagione, cambia anche il grado di assorbimento da parte della pelle. Infatti, le temperature rigide invernali richiedono texture di creme molto più concentrate per tenere una pelle idratata durante tutta la fredda giornata, rispetto la primavera.

Il consiglio di base è proprio quello di sostituire una crema viso corposa con una crema più fluida e leggera.

In generale, la primavera e l’autunno sono stagioni intermedie, con un clima molto più mite rispetto il freddo invernale che squama la pelle ed il caldo estivo che, al contrario, la squaglia, dunque il grado di assorbimento della pelle è meno restio e l’utilizzo di creme meno corpose è più indicato.

Non solo, anche la lucidità (e non la luminosità) gioca un ruolo più “acceso” durante la primavera, soprattutto per le pelli grasse e miste quando si utilizza la stessa crema utilizzata per l’inverno. Non sottovalutiamo che il sole comincia anche a scaldare e che con una crema ben assorbita, la sudorazione è dietro l’angolo!

  1. Fotoprotezione

Ridurre i trattamenti che rendono le pelli più sensibili è un buon inizio per evitare di doversi poi preoccupare di eventuali esposizioni al sole, magari durante un pic nic o una passeggiata che potrebbero nuocere alla pelle, sotto forma di macchie o eritemi.

Quando il sole comincia ad essere un po’ più caldo, i raggi sono più forti e potenti, dunque per coloro che la sensibilità cutanea non se la vanno proprio a cercare ma, anzi, sono delicate per natura o si trovano in una situazione ben precisa come in uno stato di gravidanza o sotto antibiotici, allora è il caso di iniziare già dal periodo primaverile con una fotoprotezione.

Esistono creme protettive dai raggi UV da 30 o anche da 50 che sono anche molto idratanti cosí da poter avere due soluzioni in un unico prodotto.

  1. Trattamenti di nutrizione e idratazione più leggeri

Anche i trattamenti come maschere o sieri utilizzati in questo periodo, proprio come le creme, necessitano di una rivoluzione stagionale per diventare parte di questa nuova routine più fresca, sana e radiosa. Su Abiby ad esempio, la beauty box italiana che scova tutte le tendenze beauty del periodo, si possono trovare dei trattamenti specifici di stagione in stagione, come l’olio viso alla rosa del Marocco, ideale per rigenerare la pelle in primavera. Ecco che, abbinata con una dieta primaverile che abbandona le verdure cotte magari con insalate e frutta di stagione, anche l’idratazione e nutrimento della pelle comincia a cambiare le proprie performance.

Dunque, scegliere dei trattamenti più leggeri rispetto a quelli corposi invernali sono la soluzione per rinnovare la propria pelle donando un effetto di vitalità al passo con la natura.

  1. Cambio colori trucco

Infine, insieme al cambio dell’armadio non si può che non abbinare un cambio di tonalità al proprio viso, accentuandone la luminosità.

Labbra e occhi al centro del nuovo ciclone fiorito con un make up che richiama quell’effetto di leggerezza e spensieratezza. Su una pelle non ancora abbronzata, è dunque il momento ideale per sfoggiare colori più vivaci e scintillanti magari con qualche glitter, a seconda delle occasioni!

La nuova beauty routine primaverile è il momento ideale per dare attraverso la cura della propria bellezza un nuovo start alla propria personalità nella sua fase di rinascita!

Read more
La classicità di un Moncler. Nella Riviera è indispensabile!
, ,

La classicità di un Moncler. Nella Riviera è indispensabile!

La classicità di un Moncler. Nella Riviera è indispensabile!

Il marchio Moncler nasce come brand specializzato in abbigliamento invernale, più precisamente da montagna. Ma oggi è arrivato nella moda globale, finendo persino alle strade, in modo che chiunque si possa vestire Moncler, senza distinzioni. Per celebrare questa sua spinta verso il futuro, Moncler racconta con la sua distintiva impronta ’80s attraverso i suoi capi non solo la versatilità che rende ineguagliabile il brand, ma la sua essenza streetwear sempre più in crescita e ad oggi, costantemente in evoluzione.

Nel 1981 apre la prima boutique Bennys situata a Rimini, più precisamente nella zona di Marina Centro. Il negozio diventa popolare grazie alle proposte di brand innovativi e alla moda, e di conseguenza altamente apprezzata per la gamma di prodotti che contiene al suo interno. Sull’onda di questo successo nel 1989 apre in un palazzo antico del centro storico di Rimini la seconda boutique.

Qui oltre ai marchi più importanti di abbigliamento viene creato uno spazio dedicato ad abiti da uomo sartoriali. Ma la particolarità viene catturata subito dall’occhio. All’interno delle boutique infatti sono esposti capi firmati di tanti marchi importanti della moda internazionale e italiana, ad esempio Hogan, Missoni, Karl Lagerfeld, Ralph Lauren, Tod’s, Victoria Beckham, Moncler.

É necessario e interessante concentrarsi maggiormente su Moncler. Benny’s oltre che essere un negozio di abbigliamento Riminimulti marca più importanti e conosciuti di Rimini e dintorni, è anche rinomato specialmente per i prodotti firmati Moncler: le giacche da donna e da uomo firmate Moncler sono un ‘must’ di cui i Riminesi (in questo caso) devono avere almeno un capo dentro l’armadio.

Benny’s raccoglie quei capi semplici, tradizionali, ma sempre alla moda: la nuova generazione Moncler è grintosa, creativa, audace e che non ha paura di osare. All‘interno della boutique troviamo una varietà di giacche, partendo dal classico ‘Gilet Mexico’ molto comodo d’estate e nei mesi primaverili, in nylon con chiusura a zip e con logo tono su tono. Come si può osservare all’interno delle boutique e sul sito web di Benny’s, i capi firmati Moncler variano da giacche più semplici in nylon, ad impermeabili dal taglio molto lineare ma comunque femminile, nel caso dei capi dedicati alla sezione ‘donna’. Non mancano lunghi trench, un tipo di impermeabile caposaldo intramontabile del guardaroba classico, maschile e femminile, da quasi un secolo.

Benny’s sceglie il trench ‘Roche’ lungo ed elegante, con abbottonatura a doppio petto, efficace per la protezione dal vento: tessuto tecnico, doppia tasca e cintura a fusciacca. Per quanto riguarda i giubbotti invece, ne vengono proposti diversi tipi: il classico giubbotto ‘Loty’ contraddistinto da una coulisse elastica in vita e una balza di pizzo sul fondo ricamata con le lettere del marchio Moncler, molto giovanile, elegante e raffinato, in grado di creare un perfetto abbinamento anche con un semplice paio di jeans e adatto in ogni momento della giornata. Sempre nella collezione di giubbotti Moncler Primavera/Estate, il modello ‘Vivre’ dà un tocco di classe a quello che altrimenti sarebbe un giubbotto molto semplice, attraverso la chiusura anteriore con zip e volant lungo tutta la cerniera di chiusura: questo modello mostra una sottile eleganza, può abbinarsi ad un pantalone più elegante per una serata con amici ad esempio.

Se poi si preferisce una giacca più classica, stile scolaresco, Benny’s all’interno delle sue boutique ha il classico giubbotto ‘Actinote‘, di nylon impermeabile, e polsini di canetè bianco rosso e blu scuro, colori distintivi del marchio Moncler. Non tralasciamo un dettaglio importante di tutti questi indumenti che li rende quelli che sono: l’inconfondibile logo ricamato rigorosamente su ogni capo di abbigliamento firmato Moncler. I negozi di Benny’s situati nella città di Rimini, mettono a disposizione del cliente numerosi capi di abbigliamento oltre a quelli brevemente descritti, oltre alle giacche, trench e giubbotti.

Se si ha la possibilità di fare un breve giro lungo il litorale o in centro a Rimini, vale la pena dare un’occhiata all’interno di queste boutique per capire meglio la varietà e la peculiarità dei capi contenuti all’interno, garantita tradizione italiana nel vestire e originale versatilità.

 

 

Ufficio Stampa Guest.it

Turino Maria Chiara

Read more
Arredare la camera da letto secondo il Feng Shui
,

Arredare la camera da letto secondo il Feng Shui

Se siete in cerca di un metodo alternativo che vi aiuti ad arredare in maniera originale e fuori dagli schemi la vostra camera da letto, allora questo articolo vi sarà di grande aiuto. Adesso, infatti, andremo a vedere una pratica orientale che negli ultimi anni sta prendendo sempre più piede soprattutto tra architetti e interior designer: il Feng Shui!

Cos’è il feng shui? E’ un’antica scienza di origine cinese e tibetana, sorta oltre cinquemila anni fa.
Letteralmente significa ‘vento e acqua’, simboli dei due elementi che plasmano la terra. E’ manifestazione di energia vitale benefica, il risultato di un equilibrio di forze che assicurano una vita sana.

Coloro che con fermezza sostengono il feng shui, credono nell’esistenza di direzioni più propizie che riguardano le varie attività nella casa, nella vita e per ultimo nei viaggi. I principi su cui si fonda la pratica del feng shui, suggeriscono che una casa per essere ben costruita dovrebbe essere quadrata o rettangolare senza angoli o parti mancanti e con forma regolare, dovrebbe avere un drago verde ad Est, una tigre bianca ad Ovest, una tartaruga nera a Nord e la fenice rossa a Sud. La parte sud dell’edificio è la più esposta alla luce ed al calore del sole quindi è considerata corrispondente al fuoco e allo yang. La parte nord della casa è considerata corrispondente all’acqua e alla carriera. Proprio perché l’acqua corrisponde all’elemento più Yin dell’oroscopo, è la direzione più indicata per il riposo.

In questa sede ci occuperemo della camera da letto. Innanzitutto è necessario che questa si trovi il più lontano possibile dall’ingresso di casa e dalla strada. L’ideale sarebbe se davanti si trovasse un paesaggio naturale e tranquillo, estraneo ai fastidiosi rumori metropolitani. Il feng shui, infatti, attribuisce molta importanza alla disposizione della camera da letto.

Il letto dovrebbe essere disposto trasversalmente, con la testa rivolta verso est. Un’azienda come materassi & materassi offre ad esempio il ‘Kinglattex’, uno dei materassi di punta fra quelli realizzati in Lattice 100%. Altrimenti, la soluzione in memory in lattice può rappresentare una valida alternativa. Altre proposte offerte dal brand in questione, vanno dai materassi a molle, fino ai nuovissimi materiali in Watergreen e Waterlattex, per chiudere in bellezza con i materassi ortopedici. Grazie ad un team di esperti, sarà più semplice la scelta del materasso più adatto alle vostre esigenze.

Il colore
Sono cinque i colori particolarmente consigliati su cui modellare la propria camera da letto:

  • il verde è il colore delle piante e della natura, simboleggia la crescita e lo studio;
  • il rosso rappresenta la vita animale e l’apprendimento; è di buon auspicio specialmente unito al nero;
  • il giallo è in relazione alla vita sul pianeta e rappresenta la longevità e il buon umore;
  • il bianco è il colore legato al denaro ed è usato nei luoghi pubblici per richiamare la buona fortuna;
  • il nero è in relazione al riposo e alla decantazione (delle idee).
Read more
Alla scoperta della camicia perfetta
,

Alla scoperta della camicia perfetta

Nel momento in cui si sceglie una camicia, è fondamentale prestare attenzione ad alcune regole da seguire che permettono di ottenere i migliori risultati possibili in termini di eleganza. Non si tratta solo di comprare la camicia giusta, ma anche di indossarla in maniera appropriata e, soprattutto, di abbinarla nel migliore dei modi possibili. Uno dei primi parametri a cui si deve pensare riguarda la lunghezza della camicia: quando essa è destinata a venire indossata sotto un abito, è importante che sia più lunga nella parte posteriore, così che non possa uscire dai pantaloni. Una cura specifica, inoltre, deve essere riservata al colletto, le cui punte non devono mai essere fatte uscire dai revers della giacca: è questa la ragione per la quale occorre un rapporto perfetto tra la camicia e la giacca. Sempre in tema di colletto, quello francese non va mai usato quando si veste un abito elegante: se proprio si è alla ricerca di una soluzione – per così dire – snob si può puntare sul collar club.

Come si abbottona la camicia

Non tutti conoscono i giusti trucchi e i segreti da mettere in pratica per abbottonare la camicia come si deve. Prima di tutto, però, c’è da sottolineare che abbottonarla non è un obbligo: la si può tenere anche sbottonata, sempre a condizione che essa venga abbinata con un blazer. In tale circostanza, l’ascot deve essere legato al collo: così si può essere certi di beneficiare di un effetto elegante. Passando alla camicia button down, è praticamente vietato indossarla con una cravatta: il galateo impone di ricorrervi in assenza di altri accessori.

Lo smoking e la camicia

Non di rado ci si pone in cerca di camicie uomo online pensando a come esse andranno abbinate con gli smoking. Ebbene, in presenza di un abito formale come questo il consiglio degli esperti è quello di prediligere una camicia dotata di un colletto con punte risvoltate; lo stesso discorso vale per un altro abito elegante, vale a dire il tight. Tra le altre regole pratiche che è opportuno ricordare, c’è quella che chiama in causa il colletto alla coreana, il quale è consentito unicamente in barca, specialmente se abbinato a bermuda. Il collar club, invece, non può che essere abbottonato e associato a una cravatta in reps di seta.

La camicia diplomatica

Quando si è intenzionati a indossare una camicia diplomatica con lo sparato plissé, il suggerimento è quello di ricorrere a un abito tuxedo, per poi completare l’opera con un cravattino annodato a papillon che ben si adatta alle occasioni più importanti. Con un abito, invece, devono essere sempre evitate le camicie a righe, a prescindere dal fatto che si tratti di righe oblique o trasversarli: e ciò è vero a maggior ragione quando le camicie in questione presentano un colletto a contrasto. Attenzione alle camicie sartoriali, i cui colletti devono essere realizzati con dieci punti di cucitura per centimetro, e alle camicie a fantasia, che richiedono dei pantaloni in cotone e di cui comunque non si dovrebbe abusare.

La bottoniera coperta

Solo quando si utilizza il papillon è ammessa la camicia con la bottoniera finta o coperta. Per il resto, i bottoni possono essere con spessore o piatti, ma in tutti e due i casi devono essere in madreperla. Infine, il tocco sartoriale: affinché la camicia possa garantire una vestibilità impeccabile, occorre che il carré delle spalle sia tagliato a metà.

Read more
Moda Autunno inverno 2018/19 – tendenze
,

Moda Autunno inverno 2018/19 – tendenze

Dopo la stagione calda, anche se non lo si confessa, si ha voglia di tornare ad indossare capi avvolgenti che danno la sensazione di proteggerci e coccolarci. Ogni anno si cerca di scoprire come rinnovarsi e le riviste fanno a gara per ispirarci. Dalle sfilate, dalle riviste e dalle vetrine arrivano indicazioni che poi troviamo nei grandi magazzini veri interpreti della moda di ogni giorno.

Quindi cosa ci aspetta per questo autunno inverno? il classico suggerito con un’anima retro ma anche ispirato al mondo anglosassone. In linea generale si può dire che il trend del ritorno al passato continua con un po’ di fantasia in più sui materiali e colori. Ma all’orizzonte spuntano segnali da cogliere per vestirsi ogni giorno con quel qualcosa in più che non trasforma ma rinnova e lo fa lentamente fino a diventare una nuova moda.

Alla ricerca dello stile e della femminilità, la stagione “fredda” si apre con la tendenza che continua sull’oversize, parola d’ordine comodità, così saranno i cappotti a vestaglia, le mantelle con colori non eclatanti, anzi neutri con il black & white che vedremo su molti capi.

La tendenza al passato è ormai un classico come lo stile punk rock reinterpretato quel tanto che basta per renderlo attuale. Sul sito OVS questo trend è ampiamente rappresentato con una vera linea dedicata. Il piumino è voluminoso e volutamente gonfio così come si usavano un tempo.

Comodità ma anche praticità

Le camicie sempre più rappresentative di un outfit essenziale e votato alla quotidianità lavorativa, specie se le abbiniamo al blazer. Con qualche aggiunta, come un gioiello si trasformano in una mise perfetta anche per l’aperitivo.

Che dire della moda della zampa di elefante, che perdura. Insieme a questo trend c’è la ritrovata linea a vita alta che ci riporta a ben prima degli anni ’80.

Cosa ci dobbiamo aspettare come segno di cambiamento? con probabilità tornano le Pencil skirt e le minigonne. Colorate e abbinate alla giacche casuale da portare chiuse. Gli abbinamenti spingono verso maglioni mini in cashmere, con un leggero tocco chic. Le gonne tornano protagoniste anche in formato extralong indossate anche con le sneakers.

I maglioni di lana invaderanno le strade in versione comfort, con linee morbide e un look che sembra fatto in casa. Li si indossano con gli eterni jeans rivisitati in versione più comoda e creativa con cenni di rinnovamento magari con il 5 tasche.

La moda nei grandi magazzini che disegnano la contemporaneità

Tutte le interpretazioni della moda che sta per arrivare sono a disposizione in luoghi dove è facile ampliare la scelta a dismisura. E’ questo il merito dei grandi magazzini, ogni look o tendenza viene proposta nel suo insieme, ed è ciò che ci vuole per non rischiare di concentrarsi su un capo alla volta in maniera disgiunta. Una tendenza riguarda un gruppo di abiti, non si può pensare che un outfit reinterpretato degli anni ’90 abbia singoli elementi trainanti.

Il gusto di provare ad indossare una tendenza è proprio quello di estrarne l’essenza ed allora uno stile punk ha dei colori quasi rigidi da abbinare, ci sono degli accessori, ed un senso del gusto che ha colui che si sta immaginando di indossare quegli abiti.

Giacche lunghe di pelle in contrapposizione allo Sporty, tutto appare abbondante e comodo, come i cardigan che prendono vita con colori accesi e mischiati. La ciniglia e velluto riprendono spazio come materiali riscoperti.

Non si sa cosa predominerà ma c’è chi scommette sullo stile londinese che prenderà spazio un po’ dappertutto. Il grigio per l’uomo anche in doppio petto ed in generale la riscoperta del classico negli abiti destinati ad un pubblico adulto.

Read more
Scarpe da donna estate 2018: ecco come scegliere la calzatura adatta al proprio fisico
,

Scarpe da donna estate 2018: ecco come scegliere la calzatura adatta al proprio fisico

L’estate è senza dubbio un periodo molto ricco e variegato dal punto di vista delle tendenze moda: ad ogni inizio di stagione infatti, brand e stilisti portano sulle passerelle delle più note fashion weeks del pianeta tutte le tendenze, i colori, le linee di abiti e accessori che andranno per la maggiore.

D’estate si indossano più volentieri capi stravaganti, colori accesi e stampe ricercate e si prediligono accessori particolari, anche nel campo delle calzature.

Le scarpe estive infatti sono particolarmente allegre e colorate, oltre che femminili e chic.

Indubbiamente però, quando si parla di scarpe, ogni donna ha le sue preferenze: c’è chi ama i tacchi alti, chi preferisce le più comode zeppe, chi non abbandona neanche con il caldo gli amati anfibi e chi invece vivrebbe 24 ore su 24 in infradito.

Se ogni donna ha le sue preferenze, è anche vero che non tutte le calzature stanno bene a tutte e che la scelta della scarpa non dovrebbe mai prescindere un’analisi preventiva della fisicità di ogni donna oltre che dall’outfit scelto.

Per fortuna ogni brand offre numerose possibilità di scelta, per tutti i gusti e per tutti i fisici: da Pittarello scarpe donna per l’estate 2018 ad esempio, sono tante, dalle linee differenti e con colori e stampe da abbinare a seconda dell’abito scelto.

Ma vediamo meglio quale calzatura scegliere in base alla propria fisicità per enfatizzare i propri punti di forza.

Scarpe estate 2018: ad ogni donna la sua calzatura ideale

Il compito della moda, dunque non solo degli abiti ma anche degli accessori, non è solo quello di vestire la donna, ma anche quello di comunicare la sua personalità, mettere in risalto i suoi punti di forza e nascondere o mimetizzare gli eventuali difettucci.

Nel campo delle calzature soprattutto, la scarpa giusta non solo permette di mantenere una falcata femminile e confortevole, ma è in grado anche di slanciare, fare apparire la figura più snella, migliorare la postura, rendere le gambe più affusolate e così via.

Al contrario, scegliereuna scarpa che non ci valorizzi appieno, rischia di far apparire più tozze e sgraziate o, peggio ancora, regalare una camminata insicura e poco femminile.

Ma come si sceglie la scarpa giusta?

Nella moda è tutto un sottile gioco di proporzioni: se si è già naturalmente alte e slanciate, non è necessario indossare tacchi vertiginosi, ma neanche è obbligatorio indossare scarpe rasoterra per non apparire troppo alte.

La soluzione migliore in questi casi la offrono tutte le calzature dal tacco medio: le sling back, ad esempio, sono la calzatura perfetta per chi è alta, perché con la loro aria bon ton e il tacco solitamente piccolo e sottile (il considettokittenheel) danno subito un’aria elegante e chic, senza risultare né scomode né poco femminili.

Le sling back dunque sono le migliori alleate per l’estate 2018, specie se abbinate a pantaloni palazzo dai colori pastello o maxi dress dall’aria romantica che ingentiliscono anche una figura vagamente androgina.

Al contrario, chi è piccolina, troverà degli alleati fenomenali nelle classiche zeppe super colorate tanto di moda quest’estate, ma anche nei bellissimi sandali gioielli con tacco alto o medio alto.

Un’altra calzatura molto consigliata quando non si è altissime è la decolletéopen toe, da scegliere rigorosamente con tacco robusto se si lotta contro qualche chiletto di troppo.

Il segreto per apparire più alte in questi casi è molto semplice: basta scegliere delle calzature in colori neutri, quanto più possibile vicini al colore della propria carnagione, cercando di non scegliere calzature con cinturini vistosi alla caviglia che rischiano di “tagliare” la gamba e far apparire subito più tozze.

Read more
Borse in pelle: Autunno-Inverno 2018/19 è di moda l’autenticità
,

Borse in pelle: Autunno-Inverno 2018/19 è di moda l’autenticità

Ogni anno la moda segue delle tendenze, negli abiti come negli accessori, spuntano nuovi colori, forme e qualche idea eccentrica si fa largo tra le altre. E’ un processo evolutivo che abbraccia la moda femminile da quando si è iniziato a capire che essenzialmente la donna ha bisogno di novità per rinnovarsi costantemente.

Questo desiderio viene interpretato dalle grandi firme che inebriano le passerelle di tutto il mondo con ragazze che indosserebbe bene anche uno straccio. Fortunatamente nel mondo delle borse le cose sono un po’ diverse, c’è una tendenza che non cambia mai. Per una donna la borsa deve essere autentica, vera. E’ come se dicesse, va bene tutto ma con la borsa non si scherza.

Sicuramente il mondo si evolve anche in questo settore ma è come se lo facesse mantenendo un punto fermo, la “qualità“. Lo sguardo di una donna si fissa sui particolari come le cuciture, le cerniere, la robustezza, la morbidezza, in poche parole l’autenticità. Ed è così da sempre, qualsiasi sia il modello, deve essere fatto bene, meglio se con criteri artigianali.

Quindi sulle passerelle di tutto il mondo ogni anno va in onda l’evoluzione della tradizione, ed una borsa per esser tale e di valore deve essere di autentica pelle possibilmente lavorata con metodi artigianali.

Il mondo è cambiato e va di moda anche come si acquista, perché non comprare la propria borsa in pelle dal negozio che ha l’articolo che desidero, piuttosto che cercare in mille vetrine? Una pelletteria online espone tutti i suoi prodotti, li spiega, conosci il prezzo e l’articolo lo valuti con serenità.

Vediamo quali sono le tendenze per l’Autunno – Inverno 2018-19.

Dominano le borse grandi

Le maxi bag sono in cima ai desideri di una donna spigliata e moderna, impegnata e che ha bisogno di spazio. Uno spazio organizzato dove gli scomparti tengono conto degli oggetti più usati e delicati come uno smartphone da riporre e ritrovare velocemente.

La tracolla

Comoda e perfetta da indossare con qualsiasi outfit la tracolla aggiunge eleganza, una punta di retrò in questo articolo evergreen.

Le borse a mano

Le donne amano queste genere di borse poiché le grandi dive del passato le indossavano e ne hanno fatto la storia, basti pensare a Colazione da Tiffany con Audrey Hepburn. Il gusto per grandi cerniere dorate che sormontano tutto il perimetro, manici morbidi e ampi, le borse a mano più casual sono dotate all’occorrenza anche della tracolla.

Le Pochette e Clutch

Per la sera e gli avvenimenti mondani una pochette o una clutch dona femminilità. Eccentriche o super classiche si devono abbinare all’outfit. Con una total black con catena d’oro non si sbaglia mai.

Gli zaini sono sotto i riflettori

Già da qualche anno lo zainetto è tornato prepotentemente, non è più relegato alle giovanissime ma si è fatto largo negli uffici. Non ci sono confini di utilizzo per un articolo interpretabile a piacere, classico o colorato, a pera o tecnico, dipendono dalla personalità dell’utilizzatrice.

Le Mini bag

Non può mancare nell’armadio di una donna una Mini bag, espressione di eleganza e raffinatezza, è come indossare un gioiello e con essi va en pendant. Segni scintillanti non mancano per la catena in oro o qualche strass.

Le borse a secchiello

Ammirate dagli anni ’80 per la sensazione di spazio organizzato. Le linee regolari ordinano l’outfit  e la loro versatilità nascosta permette di portare con se tutto il necessario. I colori vanno sul pastello adatti soprattutto per l’autunno.

Il Marsupio

Non si può parlare di moda anni ’90 senza accennare al marsupio. Un classico ripristinato e rivalutato a cingere la vita nei colori dell’outfit per farlo apparire come un elemento incorporato e non più a se stante.

Read more