Fissare i quadri per casa? Una piccola guida per appendere i quadri che avete acquistato on line

,
Fissare i quadri per casa? Una piccola guida per appendere i quadri che avete acquistato on line

L’effetto desiderato quando appendete un quadro a casa non è sempre scontato. Per non parlare del rischio di caduta. Occorre fare attenzione all’ingombro e soprattutto al peso senza commettere errori e rimediare a danni anche costosi.

quadri-per-casaChiodo e martello a volte non sono sufficienti per fissare un quadro per casa soprattutto se non si ha idea si cosa sia necessario fare. Oltre a disporre di un bel quadro, in tinta con la parete e con l’arredamento circostante, è utile una mini guida sulla scelta dei vari fissaggi, tenendo conto di alcune precisazioni come peso del quadro, spessore e materiale del muro su cui si lavora.

Per disporre con esattezza i quadri moderni che avete acquistato, avrete innanzitutto bisogno delle misure, della posizione del chiodo e della cornice sulla quale lavorare. La cornice stessa deve essere provvista di un gancetto. Se il quadro non è molto pesante, lo troverete (o in alcuni casi dovrete posizionarlo voi stessi), al centro della parete della parte superiore della cornice in quanto aiuta lo stesso a non pendere da uno dei due lati; viceversa, se il quadro ha un certo peso, l’attaccaglia (gancetto) sarà raddoppiata, e attaccata su entrambi il lato superiore della cornice. Non è per forza necessario forare il muro due volte ma bensì basterà creare con una cordicella, se di metallo meglio, una catenella. La lunghezza della catenella sarà tale da formare un triangolo, il cui angolo superiore sarà appoggiata al chiodo, distribuendo meglio il peso del quadro.

Per non rischiare di appendere il quadro storto, il metodo migliore è usare una livella o bolla. In commercio se ne trovano di vari tipi, da quelli tradizionali a quelle laser più sofisticati. Se si volesse realizzare una composizione di tanti quadri tutti allineati al lato superiore o inferiore della cornice, la livella è utilissima proprio per definire l’esatta posizione del primo. Gli altri saranno allineati di conseguenza.

Per quanto riguarda il peso invece, per i quadri sotto i 5 kg, un solo chiodo è più che sufficiente, basta che sia da 3,75 cm o da 5 cm. Altrimenti la scelta può ricadere anche su ganci, viti e tasselliSopra i 10 kg di peso invece, è meglio usufruire di una vite autofilettante o un bullone a molla con un foro da 1,25 cm praticato con un trapano.

Nel caso in cui si vuole evitare del tutto di forare il muro, vi sono metodi alternativi facilmente reperibili in commercio ma solo per quadri moderni come quelli che trovate su https://www.momenti-casa.it/collezioni/crazy-home-paintings-206 o pannelli lggeri.

Le strisce adesivi sono un ottimo metodo di sostentamento. Infatti una coppia di strisce sostiene un peso di 1,4 kg con grandezze di cornici inferiori al 20×28 cm. Due coppie di strisce sosterranno un peso di 2, 7 kg per quadri inferiori a 28×44 cm. Quattro coppie sosterranno invece un peso di 5,4 kg per una grandezza inferiore a 46,61 cm. I ganci adesivi invece, possono essere utilizzati per quadri leggeri con un peso compreso fra i 2,3 e 3,6 kg. Per i quadri più grandi, ovviamente bisognerà usare più ganci. Infine, metodi quali nastro e gomma adesivi, possono sostenere solo quadri molto leggeri con un peso max di 500 g ma, rischierete di scrostrare la stessa vernice dal muro perchè con il tempo diventeranno gommose e difficili da staccare.

 

Fonte: Momenti-Casa.it


A CURA DI / PRESS OFFICE
———————————–
Maria Chiara Turino – Ufficio Stampa Guest.it

 

Scrivi un commento